Menu
Chi siamo

SpazioQua è il teatro come cura dell’essere umano. E’ un luogo in cui cercare e creare, nello spazio accogliente di via solari 2/A, dove l’essere umano ha l’occasione di spogliarsi di tutte le maschere, le paure, i giudizi che abbiamo imparato a metterci addosso, e ritrovare la nostra vera essenza, per poterla mostrare agli altri con la libertà e la naturalezza del bambino.

E’ risate, è amore, è scambio, è tutto ciò che è…vita!

Spazio Qua propone per far questo laboratori di teatro per adulti, bambini, adolescenti.

tra i laboratori dedicati agli adulti:

“Mi sento”, un lavoro sul proprio monologo teatrale,

“Teatro&Spiritualità”, per muovere l’energia del teatro nella direzione della consapevolezza.

per i bambini laboratori di teatro espressivo, di gioco e relazione con i compagni e con lo spazio.

Propone inoltre:

Feste per bambini, animazione, formazione teatrale aziendale, affitto sala per attività in linea con l’associazione.

Opera in collaborazione con il territorio per la salute delle relazioni.

Dal 2014 eroga 6 laboratori presso le scuole materne di Milano Marx e Airaghi, e diversi laboratori con maestre e con adulti.

SpazioQua propone nelle scuole spettacoli ogni genere, dal teatro di ricerca: “Le Serve”di Genét, a spettacoli comici, e per bambini dai 4 anni in su.

ilaria

ILARIA SACCA’

Inizia il suo percorso teatrale annunciando davanti allo specchio la rubrica dei programmi della sera dei giornalini del “Dì per Dì”.

Dopo il grande successo di affezionatissimi fan virtuali, a 8 anni impara a me memoria il 5 maggio ed è lì che cominciano delle vere e proprie tourné in giro per tutto l’istituto scolastico trascinata dalla maestra a declamarlo ai compagni.

Da quel momento sono passati quasi vent’anni, e il percorso non è stato sempre chiaro..

una lunga deviazione universitaria e una brillante carriera lavorativa in azienda la allontanano dal teatro fino al trasferimento a Milano, dove scopre il Com teatro, che le rivoluziona la vita. è qui che scopre il potere tearapeutico del teatro, e dà voce al suo desiderio di comunicare fino a quel momento nascosto.

Nel 2013 scrive il suo primo spettacolo di teatro, “L’amore è un torcibudella” con la collaborazione di Andrea Pinketts.

Nel 2014 partecipa all’ IT Festival con “Le Serve” di J.Genet, e ha inizia il percorso per diventare Teatroterapeuta.

Tra i suoi motti ricordiamo: la vita è adesso, si vive una volta sola, la vita è un viaggio.

“storie di autoconvincimento di una mente spaesata.”

paolo

PAOLO PICCININI

All’età di 7 anni fa il suo primo provino alla Scala di Milano per entrare nel coro delle voci bianche. Scartato brutalmente per stonature varie, gli offrono come premio di consolazione di fare la comparsa. Sono per lui 7 anni di puro divertimento. Dal teatro alla musica si getta sui palchi di pub discoteche come bassista di rock band finendo anche da Red Ronnie. Ma il teatro lo perseguita, diplomato musicoterapeuta, si trova in un teatro parrocchiale ad inventarsi giochi per i ragazzi disabili scoprendo come un palco possa essere veicolo di parti di sé che nessuno sa di avere.

il teatro è un voce amica che gli sussurra: L’emozione e l’energia non hanno confini, sii ciò che vuoi.

Passano diversi anni in cui il rokkettaro ha ancora il sopravvento, prima di abbandonarsi al teatro grazie ad una ex che dopo anni di convivenza decide di lasciarlo!

per disperazione e per sentirla sempre con sé si imbarca nella passione di lei, il teatro.

Prima con 3 anni di Campo Teatrale e poi 3 anni di ComTeatro.

Oggi il Teatro è Sacro per lui.

luca

LUCA GIBERTINI

Fin da piccolo improvvisa scenette

davanti a famigliari e amici ispirate alla realtà quotidiana. Negli anni di scuola si specializza in varie imitazioni di personaggi famosi e realizza numerose musicassette in cui incide quelli che lui stesso definisce dei mini show acustici. Passano gli anni e la sua voglia di teatro non si placa e la mette negli innumerevoli lavori che svolge tra i quali ricordiamo il giardinaggio, l’editor video, il batterista in reggae bands e lo chef vegano.

Un giorno mentre è a teatro con la moglie ha l’illuminazione:

“Farò l’attore!” esclama.

Frequenta così Quelli di Grock e ComTeatro preoccupandosi e divertendosi un mondo al tempo stesso.

Entra a far parte della compagnia “Le gemelle” e del duo comico “I GIGI” riscuotendo un crescente successo.

In questi giorni lo vediamo impegnato su più fronti ma la sua missione è chiara fin dall’inizio…far ridere chi gli capita davanti..